Torna alla Home Page

 
 

L'ambiente in cui  vissuto
Luras

La sua biografia
L'autore

Le sue creazioni
Le opere

La sede della Collezione
La collezione

Le sue tecniche
La tecnica

I materiali usati
Il sughero

Hanno scritto della Collezione ...
L'edicola

Guest book
I commenti

FregiL'innovazione geniale nella tecnica di Tonino Forteleoni è stata quella di applicare al bassorilievo in sughero, cosa già di per sé rivoluzionaria, un mosaico di piccoli frammenti (striscia o tassello) in scorza di sughero prelevato direttamente dai rametti più alti e sottili della quercia, perciò maschio. Nella pianta l'artista trovava tutte le colorazioni naturali necessarie per comporre le sue opere, ricavando dalla corteccia una moltitudine di colori impensabili e invisibili agli occhi dei più. L'applicazione di questa tecnica pionieristica mutava profondamente i metodi della lavorazione artistica del sughero.

Particolare dei fregiAnalizzando le attrezzature impiegate troviamo solamente una piccola lama affilatissima, una raspa e della carta vetrata; l'applicazione dei tasselli avveniva con l'ausilio di colla e martello. Tutto il resto era affidato alla sua eccezionale manualità e fantasia.
Il desiderio di sperimentazione lo ha portato a continue variazioni di stile, in una costante ed esasperata ricerca del particolare, affidato alle mutazioni infinitesimali dei gradi di colore. La dovizia di particolari è presente in ogni sua composizione e la difficoltà oggettiva nella realizzazione delle opere era pari alla sua innata modestia, che lo portava a sminuire la reale importanza delle creazioni.

MobileDiverso discorso si può fare per i mobili: cassapanche, letti, armadi, tavoli, etc. In essi vi è sempre un'armatura in legno in quanto il sughero, pur essendo decisamente più duraturo del legno, è di questo più flessibile quindi soggetto a deformazioni, per cui occorre sempre un'anima rigida sulla quale applicare poi la scorza di sughero.
Spesso la base in legno è molto elementare (multistrato); altre volte, come nel caso di armadi di pregio eseguiti negli anni sessanta, il lavoro in legno di qualità veniva affidato a ebanisti qualificati che eseguivano il lavoro su suo progetto, con la costante assistenza dell'artista che curava ogni singolo particolare.
A struttura terminata, si procedeva al rivestimento con strisce, tasselli ed altre applicazioni in sughero, come sopra descritto.


Home
Luras
L'autoreLe opereLa collezioneIl sugheroL'edicolaI commenti