Torna alla Home Page

 
 

L'ambiente in cui  vissuto
Luras

La sua biografia
L'autore

Le sue creazioni
Le opere

La sede della Collezione
La collezione

Le sue tecniche
La tecnica

I materiali usati
Il sughero

Hanno scritto della Collezione ...
L'edicola

Guest book
I commenti

Tonino ForteleoniTonino Forteleoni nacque, terzo di sette figli, a Luras il 26 dicembre 1915 da Giovanni e Sebastiana Pala. Il 27 maggio del 1939 sposa Elena Maurelli. Nel 1944 muore il padre ed egli inizialmente continua il lavoro nella fabbrica col fratello Giovanni Antonio, prima che quest'ultimo proseguisse in proprio. A partire dal dopoguerra inizia a mettere a punto le tecniche di mosaico e rivestimento con sughero che lo renderanno famoso. Il 2 giugno 1956 gli viene conferita l'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica. Dal 22 aprile 1961 al 22 novembre 1964 ricopre la carica di primo cittadino del Comune di Luras. Nel 1985 si ammala gravemente la Biennale del 1960moglie, la quale morirà nel 1992. Muore a Luras il 22 novembre 1996.

Collabora con l'ISOLA, partecipando alle mostre e alle biennali dal 1959 al 1962 prima e dal 1970 al 1975 poi. Durante la Prima Biennale, nel 1960, ricevette un premio per le innovazioni apportate alla lavorazione del sughero. Dal 1959, per sette anni, insegna nel laboratorio artistico-artigianale della sezione sugheriera dell'Istituto per l'Industria e l'Artigianato di Calangianus.

Dopo la sua morte è stato rinvenuto in un suo cassetto un breve scritto anonimo che lo descrive magistralmente e che vogliamo riportare:

T. F. visto da E. Carbini, ritrattista di CalangianusSe vi dovesse capitare di inoltrarvi in quei meravigliosi boschi di querce che, come direbbe Dante, da nessun sentiero sono segnati, potreste imbattervi in un giovanotto di settant'anni che con sguardo attento osserva gli alberi uno per uno, seguendone le biforcazioni del tronco e l'intrecciarsi dei rami, cercando, trovando e valutando, con occhio esperto, le varie tonalità di colore, le più sottili sfumature, una grana, una consistenza particolare dell'abito con cui le querce si adornano: il sughero.
Del sughero, questo giovanotto di settant'anni che si chiama Tonino Forteleoni, conosce tutti i segreti: sa come trasformare quelle scaglie bitorzolute in drappeggi per una veste di Madonna; sa come continuare a farlo vivere sotto altre forme: quelle composte e stilizzate degli animali fantastici che adornano una cassapanca o quelle tormentate che animano l'agonia di un Cristo morente. Il materiale di cui si serve l'artista vive qui, nel bosco; e quella corteccia compatta e consistente che avvolge la quercia come in un abbraccio è la sua tavolozza.

 

 

 

Home
Luras
Le opereLa collezioneLa tecnicaIl sugheroL'edicolaI commenti